don Gabriele Cossai
Vicario dal 1954 al 1968

Nato a Racconigi il 21 marzo 1917 da Giovanni e Domenica Alessiato, una famiglia segnata profondamente dalla fede e dalla laboriosità.

Formatosi nel Seminario del Cottolengo prima e poi nei Seminari diocesani, fu ordinato sacerdote il 29 giugno 1941 nella Cattedrale di Torino dal card. Maurilio Fossati.

Don Gabriele è ricordato da non pochi sacerdoti ancora oggi per il suo incarico proprio nei seminari diocesani di Chieri e Rivoli come «padre» spirituale, ascoltato e cercato anche negli anni successivi come prezioso riferimento per i sacerdoti che egli accoglieva sempre con grande paternità.

L’esperienza della vita parrocchiale ha segnato i suoi lunghi e fecondi anni di ministero sacerdotale: come vicario parrocchiale al S. Nome di Gesù in Torino nei primi anni di ordinazione, nelle due parrocchie in cui ha svolto in un tempo più ampio il ministero di parroco: per 14 anni a Pianezza e per 10 anni nella parrocchia di S. Lorenzo in Giaveno

Canonico effettivo della Cattedrale di Torino e poi onorario della Collegiata di Giaveno, ad altre comunità ha donato il suo servizio: come parroco a S. Antonio presso Favari in Poirino, a S. Maria della Pieve in Cavallermaggiore e san Lorenzo martire in Foresto; come collaboratore parrocchiale a Caselle e Savigliano e negli ultimi anni a Marene, presente accanto agli anziani e agli ammalati, sempre disponibile nella celebrazione dell’Eucarestia e nel ministero della riconciliazione, offrendo aiuto pastorale anche alle parrocchie vicine.

Un profondo spirito di carità ha segnato la sua dedizione pastorale, attento ai poveri e ai deboli, capace di dialogare con i problemi dei giovani e di rispondere alle attese degli adulti ha custodito e rinnovato le opere parrocchiali, (il nostro oratorio S. Luigi) ma soprattutto ha fatto crescere le comunità che ha servito accompagnandole nel rinnovamento pastorale degli anni conciliari e incoraggiando i passi per un’ampia collaborazione tra sacerdoti e parrocchie.

Don Cossai è morto all’alba della domenica 4 gennaio 2004, mentre si preparava alla celebrazione dell’Eucarestia. I suoi funerali furono celebrati mercoledì 7 a Marene, presieduti dall’Arcivescovo card. Poletto, presenti anche l’ausiliare mons. Fiandino (suo viceparroco a Pianezza) e il vicario episcopale don Avataneo, con la partecipazione di molti sacerdoti che lo avevano conosciuto e stimato nel corso della sua esperienza presbiterale. La sua salma riposa nel cimitero di Racconigi, accanto ai suoi cari.