il giornale “La Gazzetta del Popolo” in una corrispondenza da Pianezza scriveva:

Pranzo tra falegnami ed arti affini

Una delle più caratteristiche e simpatiche riunioni che hanno luogo tutti gli anni nei paesi d’intorno a Torino, e che ricorda le antiche Corporazioni di arti e mestieri è quella che viene solennizzata nella ricorrenza della festa di san Giuseppe dai falegnami e arti affini che scelgono come loro patrono l’umile e modesto santo di Nazaret

Il resoconto prosegue dicendo che una quarantina di commensali si riunirono nell’Albergo della Spada Reale, condotto dal sig. Giovanni Bonelli che si fece onore con portate abbondanti e cibi squisiti.

Parteciparono i priori Paolo Longo e Alfonso Giordano, gli assessori Luigi Mayat e Giuseppe Longo, gli ebanisti Bevilacqua e Bartolomasi.

La Società filarmonica allietò l’incontro

R.R.